Titolo+CondividiSu
Titolo CondividiSu

Mostra: ALMA MATER - opere sulla senologia dal XVII sec. ai nostri giorni

BIBLIOTECA MEDICA STATALE fino al 15 luglio 2018, esposizione bibliografica di studi scientifici sul seno di autori italiani ed europei

La mostra: ALMA MATER - opere sulla senologia dal XVII secolo ai nostri giorni apre il ciclo di una serie di iniziative che la Biblioteca Medica Statale vuole dedicare allo studio della condizione della donna nell’ambito medico, scientifico e psicologico e più in generale all’immagine creativa della femminilità. L'esposizione raccoglie alcuni importanti studi scientifici sul seno scritti da autori italiani ed europei. Si evidenziano i più antichi trattati di anatomia come quello di Andrea Vesalio risalente al 1604, poi le dissertazioni storiche settecentesche sull’allattamento come quello di Antonio Fantini e di Francesco Mercanti, gli studi sulle malattie della mammella come la prima monografia comparsa in Italia sull’argomento nel 1746 di Angelo Nannoni fino ad arrivare all’attuale testo fondamentale di Umberto Veronesi, agli interessanti studi di Alfonso Pluchinotta e ai più recenti manuali di diagnostica per immagini per la prevenzione dei tumori.

Il termine seno a cui si vuole fare riferimento non ha un significato esclusivamente anatomico, seppure si riferisce alla ghiandola mammaria, ma racchiude un insieme di raffigurazioni legate alla femminilità. Charles-Mari Gros, ritenuto il fondatore della senologia, diceva: “Poiché il seno rappresenta l’immagine e la proiezione della donna nella sua totalità… poiché il seno è un testimone e forse la vittima di questa società, la senologia deve essere considerata la più umana delle discipline”.

L'esposizione resta aperta fino al 15 luglio 2018

Informazioni

Data di inizio: 25 maggio 2018 ore 14:26
Data di fine: 15 luglio 2018
Telefono: 0649891
Url Web: www.bibliotecamedicastatale.beniculturali.it

Dove

Biblioteca Medica Statale
Città: Roma
Indirizzo: Viale Castro Pretorio 105
Regione: Lazio
Email: bs-medi@beniculturali.it


Condividi su:

torna all'inizio del contenuto